Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole. Se accetti, continua la navigazione.

Depressione in infanzia e adolescenza

Scarica articolo in PDF

Meno di tre decenni fa la depressione era considerata come un disturbo prevalentemente adulto: si riteneva i bambini fossero troppo immaturi per sviluppare un disturbo depressivo, e il basso umore dell’adolescente era  visto come parte dei normali “sbalzi” d’umore adolescenziali. Gli studi sullo sviluppo sono stati fondamentali  nel modificare questo punto di vista. Pochi potrebbero ora dubitare della realtà del disturbo depressivo del bambino e dell’adolescente, o che la depressione giovanile sia associata ad una serie di esiti avversi, tra cui difficoltà sociali ed educative così come i problemi di salute sia fisica che mentale. Tuttavia, mentre la ricerca sul decorso e i correlati della depressione ha individuato analogie importanti attraverso lo sviluppo, ha anche messo in evidenza variazioni legate all’età; di conseguenza, i ricercatori continuano a valutare in che misura il disturbo depressivo in infanzia, adolescenza e età adulta possa riflettere la stessa condizione di base. I tassi depressione unipolare sono bassi prima della pubertà, ma salgono nei primi anni dell’adolescenza, soprattutto tra le ragazze. Nel corso dello sviluppo, la depressione giovanile è associata ad una serie di risultati negativi a lungo termine, tra cui il suicidio, problemi nella cognizione sociale; inoltre, una storia familiare di depressione o l’esposizione a eventi di vita stressanti, sono tra i principali fattori di rischio per la depressione, nonché la combinazione di influenze sia genetiche che ambientali.

Questa recensione fornisce una breve introduzione delle recenti evidenze in queste aree, concentrandosi in particolare su:

–          aspetti descrittivi di disturbi depressivi in infanzia e adolescenza;

–          comprensione degli attuali meccanismi e processi di rischio;

–          trattamenti basati su evidenze per i disturbi depressivi in gioventù.

Per consultare l’intero articolo in inglese

http://www.cacap-acpea.org/uploads/documents//Depression_in_Childhood_Maughan.pdf

Fonti:

Maughan B., Collishaw S., Stringaris A. (2013) Depression in Childhood and Adolescence.  Journal of the Canadian Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 22:1,35-40.

Scarica articolo in PDF