Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole. Se accetti, continua la navigazione.

Realtà Virtuale e potenziamento delle abilità sociali

Scarica articolo in PDF

La transizione verso l’età adulta è spesso un momento difficile per individui con disturbi dello spettro autistico (ASD). Per quanto riguardo l’autismo ad alto funzionamento (HFA), le difficoltà nelle abilità sociali, interferiscono con la possibilità di costruire relazioni ed essere partecipi, nonché parte integrante della comunità, aspetti che entrano in gioco in misura maggiore durante la transizione verso l’età adulta. Per molti individui con HFA, farsi largo tra queste nuove esigenze sociali può essere impegnativo. Il riconoscimento di queste sfide ha condotto alla creazione di trattamenti per adulti con HFA che mirano ad aumentare il profilo funzionale del soggetto concentrandosi sulle abilità sociali, ad esempio il riconoscimento delle emozioni.

Lo studio proposto ha indagato l’attuabilità di un interessante intervento di Training sulla Cognizione Sociale basato sulla Realtà Virtuale. Lo scopo del suddetto intervento è il miglioramento della cognizione sociale. Otto giovani adulti con diagnosi di autismo ad alto funzionamento hanno completato 10 sessioni di training in 5 settimane. L’ambiente della realtà virtuale comprendeva vari luoghi: ufficio, ristorante, negozio, parco, etc. Degli avatars, appositamente modellati, rappresentavano il soggetto e il suo coach nella realtà virtuale. Venivano costruiti degli scenari sociali per enfatizzare obiettivi di apprendimento, ad esempio incontrare nuove persone, negoziare, cercare un lavoro, gestire il conflitto con un amico, etc. I risultati hanno mostrato che dopo il training i soggetti riportavano un aumento significativo di aspetti della cognizione sociale, come ad esempio il riconoscimento delle emozioni e il funzionamento sociale ed occupazionale. Questi risultati suggeriscono che la piattaforma di realtà virtuale è uno strumento promettente per migliorare le abilità sociali, cognitive, e il profilo funzionale nell’autismo.

Per consultare l’intero articolo in inglese  http://link.springer.com/content/pdf/10.1007%2Fs10803-012-1544-6.pdf

Fonte

Kandalaft M.R., Didehbani N., Krawczyk D.C., Allen T.T., Chapman S.B. (2013) Virtual Reality Social Cognition Training for Young Adults with High-Functioning Autism. Journal of Autism and Developmental Disorders,  43(1), 34–44.

Scarica articolo in PDF