Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole. Se accetti, continua la navigazione.

Reciprocità nell’Interazione

Scarica articolo in PDF

La reciprocità può essere definita come una condizione interattiva in cui due individui condividono l’attenzione e  interagiscono durante l’esecuzione di attività insieme . Questo atteggiamento è presente fin dai primi momenti di vita , ad esempio quando un bambino è naturalmente orientato verso il volto della madre e risponde preferenzialmente ad esso . La reciprocità è necessaria al fine di raggiungere obiettivi condivisi e si compone di scambi simmetrici caratterizzati da una alternanza di turni precisamente sintonizzata. Dalle prime interazioni con i loro caregivers , in genere, i bambini con sviluppo tipico (TD) mostrano una naturale attitudine ad impegnarsi in un’azione comune e alla condivisione di stati psicologici. Anche se la mancanza di reciprocità è una delle caratteristiche della nozione di Disturbi dello Spettro Autistico (ASD), pochi studi si sono concentrati sulla valutazione diretta del comportamento reciproco nella quotidianità, di conseguenza, la conoscenza della natura e lo sviluppo di questa funzionalità di base nell’autismo sembrerebbe essere  ancora limitata.

Nello studio di seguito proposto, viene descritto il fenomeno della reciprocità nell’interazione bambino-caregiver analizzando filmati di famiglia girati durante il primo anno di vita di 10 bambini con ASD e 9 bambini con sviluppo tipico (TD). I comportamenti reciproci sono stati analizzati grazie ad uno schema di codifica sviluppato appositamente (scala di reciprocità caregiver-bambino (CIRS)). I bambini con ASD hanno mostrato meno attività motoria durante il primo semestre e, successivamente, un minor numero di vocalizzazioni, rispetto ai neonati TD. I caregivers di bambini ASD hanno, inoltre, mostrato nel secondo semestre periodi più brevi di coinvolgimento e una riduzione della “manipolazione affettuosa” (es. accarezzarli, baciarli). Gli autori ipotizzano che le differenze nei profili dei genitori e dei bambini sono strettamente interconnesse e che il livello di coinvolgimento dei genitori potrebbe essere modulato dalla responsività del bambino e vice versa.

Per riassumere, il presente studio suggerisce che i bambini con ASD possono mostrare molto precocemente difficoltà sia motorie che vocali. Viene inoltre ipotizzato che uno schema motorio-vocale non sincrono potrebbe interferire in diversi modi con lo sviluppo della reciprocità nella relazione tra i neonati in seguito con diagnosi di ASD e i loro caregivers.

Per consultare l’intero articolo in inglese  http://www.hindawi.com/journals/aurt/2013/705895/

Fonte

Apicella F., Chericoni N.,  Costanzo V.,  Baldini S., Billeci L., Cohen D., Muratori F. (2013) Reciprocity in Interaction: A Window on the First Year of Life in Autism. Autism Research and Treatment

Scarica articolo in PDF