Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole. Se accetti, continua la navigazione.

Riconoscimento delle emozioni negli anziani

Scarica articolo in PDF

Anche se la capacità di riconoscere le emozioni attraverso i movimenti del viso e del corpo è di vitale importanza per la vita di tutti i giorni, numerosi studi hanno mostrato che gli anziani sono meno abili a identificare le emozioni rispetto ai giovani. I risultati di tali ricerche hanno mostrato un maggiore declino nella capacità di riconoscere le emozioni negative rispetto a quelle positive. Allo stesso tempo, tali risultati hanno sollevato problemi metodologici in relazione alle diverse modalità con cui viene valutata la decodifica dell’emozione. L’obiettivo principale dello studio di seguito proposto, è stato quello di identificare i meccanismi sottostanti il deficit nel riconoscimento delle emozioni, a tale scopo sono stati condotti due esperimenti. I compiti sperimentali prevedevano l’utilizzo di immagini sia statiche che dinamiche. Il campione era costituito da 208 adulti provenienti dalla Grecia, di età compresa tra 18-86 anni. Nel primo esperimento , i due gruppi di soggetti (anziani e giovani) sono stati confrontati in un compito di identificazione di emozioni discrete mostrate attraverso stimoli statici (espressioni facciali), mentre nel secondo esperimento sono stati utilizzati stimoli dinamici (brevi video clip in cui venivano presentate informazioni sia visive che uditive).

I risultati ottenuti suggeriscono che le abilità di riconoscimento delle emozioni non sembrano essere così danneggiate come presupposto, ma sono fortemente correlate alle caratteristiche dello stimolo. Infatti, dai dati raccolti è emerso che gli anziani possono riconoscere con precisione le emozioni in stimoli dinamici, ciò che sembra essere compromessa è la capacità di riconoscere emozioni negative da immagini statiche di volti, e tale deficit sembrerebbe, inoltre, essere esacerbato dal un possibile declino cognitivo.

Per consultare l’intero articolo in inglese  http://ambadylab.stanford.edu/pubs/2010KrendlAmbady-APA.pdf

Fonte

Krendl A.C., Ambady N. (2010) Older Adults’ Decoding of Emotions: Role of Dynamic Versus Static Cues and Age-Related Cognitive Decline. Psychology and Aging, 25( 4), 788-793.

Scarica articolo in PDF